Sauvignon Blanc

Angoris

VITIGNO

Sauvignon Blanc 100% – DOC Friuli Colli Orientali

TERRITORIO

Ponca (marna eocenica).

VINIFICAZIONE

Dopo la macerazione a freddo, la fermentazione del mosto avviene a temperatura controllata per 10 giorni.
In seguito, il vino viene fatto riposare 8 mesi in contenitori in acciaio inox e viene successivamente affinato in bottiglia per 1 mese.

Sauvignon Blanc Angoris Perfetta

CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE

Giallo paglierino con riflessi verdolini.
Al naso è delicato e aromatico con note di sambuco, menta verde, basilico, salvia, pesca gialla e papaya.
Il gusto è ricco, denso, pieno, elegante, lungo e mineralità, con un’acidità importante.

ABBINAMENTI

Ideale abbinato a sauté di cozze e vongole, pesce alla griglia, piatti di verdure, asparagi e uova lesse, o risotti saporiti.
Temperatura di servizio 10 – 12 °C

Riconoscimenti

Gilbert & Gaillard

Bibenda

DOC Friuli Colli Orientali & DOC Collio

Nella DOC Friuli Colli Orientali si estendono i 15 ettari di vigneti lungo i versanti rivolti a sud-est di quattro diverse colline nello storico podere di “Stabili della Rocca” e sono composte dal classico terreno friulano denominato ponca.

Nella DOC Collio, con un’esposizione a Sud, si estendono i 5 ettari del podere “Ronco Antico“, i vigneti sono disposti su un perfetto anfiteatro naturale, circondati e protetti dalla riserva naturale di Plessiva.

La Linea Angoris rispecchia le caratteristiche che hanno reso celebri i vini friulani nel mondo, con vini bianchi di carattere, dal gusto in bocca gradevole, minerale e con profumi netti ed intensi mentre i vini rossi hanno una caratteristica piĂą speziata, con sentori di sottobosco ed una complessitĂ  avvolgente.

Noi lo adoriamo con:

GNOCCHI AI 4 FORMAGGI

Iniziate lessando le patate per gli gnocchi: in una pentola capiente sistemate le patate e coprite con abbondante acqua fredda. Dal momento in cui l’acqua bollirà contate 30-40 minuti, a seconda della loro grandezza. Fate la prova forchetta e se i rebbi entreranno senza difficoltà nel mezzo allora potrete scolarle. Pelatele mentre sono ancora calde e subito dopo schiacciatele sulla farina che avrete versato sulla spianatoia a fontana. Aggiungete poi l’uovo leggermente battuto insieme a un pizzico di sale e impastate il tutto con le mani fino ad ottenere un impasto morbido ma compatto. Cercate di lavorarli il meno possibile altrimenti in cottura diventeranno duri. Prelevate una parte di impasto e stendetelo con la punta delle dita per ottenere dei bigoli, cioè dei filoni, spessi circa 2 cm; per farlo aiutatevi infarinando la spianatoia, di tanto in tanto, con della semola.

Nel frattempo, coprite l’impasto rimanente con un canovaccio per evitare che si secchi. Tagliate i filoncini a tocchetti e facendo una leggera pressione con il pollice trascinateli sul rigagnocchi per ottenere la classica forma. Se non avete il riga gnocchi, potete utilizzare una forchetta e trascinarli sui rebbi; anche in questo caso, utilizzate la farina di semola per evitare che si appiccichino. Mano a mano che preparate gli gnocchi di patate sistemateli su un vassoietto con un canovaccio leggermente infarinato, ben distanziati l’uno dall’altro. Tagliate a pezzetti il Gorgonzola.

Fate lo stesso con il Casera, la Fontina e l’Emmentaler. In un pentolino scaldate la panna, quindi versate tutti i formaggi a pezzetti e cuocete a fiamma bassa per 20 minuti, mescolando spesso per evitare che si formino grumi e per favorire il fondersi dei formaggi.

Una volta pronta la crema ai 4 formaggi, potrete lessare gli gnocchi in abbondante acqua; cuoceteli per pochi istanti e non appena saliranno a galla, scolateli con l’aiuto di una schiumarola, versateli man a mano nel tegame con la crema ai 4 formaggi. Mescolate molto delicatamente per non sfaldarli, aromatizzate con del pepe nero a piacere e servite subito i vostri gnocchi ai 4 formaggi. Buon appetito!